Le pantofole rubate rubate vengono recuperate dopo il 'complotto estorsivo', afferma l'FBI

Dopo 13 anni, l'FBI ha finalmente recuperato le pantofole rosso rubino perdute che erano state indossate da Judy Garland in Il mago di Oz. Le scarpe sono state originariamente rubate da un museo a Grand Rapids, Minnesota, città natale di Garland, nell'agosto 2005. L'FBI ha detto in un comunicato stampa il 4 settembre che le scarpe erano state recuperate dopo un'operazione di puntura. Gli inquirenti ritengono che le scarpe siano state detenute nell'ambito di un tentativo di estorsione da parte dei ladri nei confronti dell'azienda che ha assicurato le scarpe. Ci sono quattro paia di scarpe in circolazione, una è allo Smithsonian di Washington D.C., una è di proprietà di un collezionista privato e un'altra coppia è stata comprato di Steven Spielberg e Leonardo DiCaprio. Sono in mostra all'Academy Museum of Motion Pictures.

Ecco il comunicato stampa completo sulle scarpette rubino rubate. pic.twitter.com/Tml3bVtdqp



- Heidi Wigdahl (@HeidiWigdahl) 4 settembre 2018



L'agente speciale Christopher Dudley afferma nel comunicato stampa che nel 2017 un individuo si è rivolto alla società che ha assicurato le scarpe con informazioni su dove si trovassero. L'agente Dudley ha detto: Quando è diventato evidente che le persone coinvolte stavano in realtà tentando di estorcere i proprietari delle pantofole, il dipartimento di polizia di Grand Rapids ha contattato l'FBI. L'indagine coinvolge l'Art Crime Team dell'FBI, il Laboratorio dell'FBI e gli uffici di Chicago, Miami e Atlanta. Le scarpe sono state recuperate a Minneapolis dopo un'operazione sotto copertura. Quando le scarpe furono in possesso dell'FBI, furono trasportate allo Smithsonian Museum di Washington D.C. per analisi e confronto. L'agente Dudley ha detto: “Recuperare un bene culturale di questa importanza è significativo. Così tante persone di tutte le età in tutto il mondo hanno visto Il mago di Oz e in questo modo hanno qualche connessione con le pantofole. Questa è una delle cose che fa risuonare questo caso con così tanti.

Getty



In una conferenza stampa che ha annunciato il recupero delle scarpe, il procuratore statunitense del North Dakota Christopher Myers ha dichiarato: 'Abbiamo molto lavoro da fare. Questa è un'indagine in corso. L'FBI sta cercando l'aiuto del pubblico per identificare tutte le parti associate al furto. Il Minneapolis Star-Tribune riferisce che una ricompensa di $ 1 milione era stata offerta a chiunque avesse recuperato le scarpe. Nel 2015, uno dei membri del consiglio del museo di Judy Garland, Jon Miner, ha detto il Washington Post, Ci siamo presi a calci nel sedere per non averli messi in cassaforte. Ovviamente il proprietario è rimasto sbalordito. E così eravamo noi.

Nell'estate del 2015, i sommozzatori sono stati inviati alla fossa della miniera di Tioga in una vana ricerca delle scarpe, secondo quanto riferito Città gemelle al tempo.