Paris Hilton paragona la fuga di notizie del sex tape all'essere 'stuprata'

GettyParis Hilton

Paris Hilton ha confrontato la fuga di a nastro del sesso all'essere violentata. In un nuovo documentario, This is Paris, parlerà del trauma infantile e di un personaggio che ha sviluppato per sfuggirvi.

Hilton parlerà di un trauma che non ha mai rivelato in precedenza nel documentario, secondo lei trailer . Il documentario andrà in onda su YouTube lunedì 14 settembre 2020 come parte di YouTube Originals. Inizialmente era previsto l'uscita al Tribeca Film Festival, che si è spostato online a causa della pandemia di coronavirus.



un natale godwink pensato per il cast d'amore

Sento che tutto il mondo pensa di conoscermi, dice in una voce fuori campo nel trailer. Nessuno sa veramente chi sono.

Ecco cosa devi sapere:


Paris Hilton ha parlato del sex tape trapelato in un documentario precedente, 'The American Meme'

Visualizza questo post su Instagram

Aveva un cuore d'oro, un'anima piena di cicatrici. Era un'amante che amava con tutto se stesso. Il luccichio nel suo sorriso era una scena così bella. ?

Un post condiviso da Paris Hilton (@parishilton) il 12 settembre 2020 alle 12:54 PDT

La Hilton ha fatto notizia dopo che un sex tape è trapelato con il suo ex fidanzato, Rick Salomon, nel 2003. Ha parlato della devastazione che ha dovuto affrontare e delle conseguenze dopo che il nastro è trapelato in un precedente documentario, The American Meme. Ha paragonato la fuga di notizie a uno stupro nel documentario e ha detto che voleva letteralmente morire in alcuni punti. Ha continuato dicendo che non voleva che un sex tape la definisse.

perché Jacob Batalon è calvo?

Era come essere violentata, dice nel documentario. Mi sembrava di aver perso parte della mia anima e di aver parlato in modi così crudeli e meschini. Volevo letteralmente morire in alcuni punti. Ero tipo, 'Semplicemente non voglio vivere', perché pensavo che tutto mi fosse stato portato via. Non volevo essere conosciuto come quello.

Il suo scopo nel parlare su The American Meme era simile alle ragioni per cui ha pubblicato This is Paris. Voleva condividere un lato di sé al di fuori dell'immagine popolare che presenta.

Mi sentivo come se il mondo mi fosse stato presentato attraverso The Simple Life, ha detto in una sessione di domande e risposte post-proiezione, secondo USA Today . All'epoca non c'era la televisione dei reality, quindi era molto nuovo. Non c'erano i social media, quindi in pratica ho creato questo personaggio che era fondamentalmente quello che pensavo volesse il pubblico, tipo 'Oh, è ricca, quindi ha bisogno di essere una svampita viziata' - fondamentalmente quello che i produttori mi hanno detto di fare.

Quando Bert mi ha parlato di questo film, in pratica ha detto: 'Paris, sei l'O.G. di tutto questo.' Mi fidavo davvero di lui ed ero molto vulnerabile su cose di cui non avevo mai parlato prima, e fondamentalmente volevo solo mostrare il vero me, perché non penso di averlo mai fatto prima, ha continuato.


Hilton ha detto che è stata considerata una 'persona cattiva' con la perdita di sex tape e che sarebbe stata gestita in modo diverso oggi

Visualizza questo post su Instagram

A volte sono stata considerata la persona cattiva 🥺 Ma in #ThisIsParis sto raccontando la mia versione della storia. Guarda con me il 9/14 Midnight EST🎥 su YouTube. #YouTubeOriginals Clicca sul link in bio.

la voce giudici stagione 11

Un post condiviso da Paris Hilton (@parishilton) il 10 settembre 2020 alle 17:52 PDT

Paris ha detto che l'uscita del suo sex tape nel 2003 è stata vista in un modo che ha danneggiato la sua reputazione. Il sex tape, One Night in Paris, ha stimolato una causa. È stato rilasciato poco prima della premiere di The Simple Life. Aveva 18 anni quando è stato girato il sex tape.

Hilton ha detto al The Sun: Quello è stato un momento privato con un'adolescente che non è nel suo giusto spazio per la testa. Ma tutti lo guardavano e ridevano, come se fosse qualcosa di divertente.

Hilton ha scritto dell'imminente uscita e del sex tape trapelato su Instagram.

A volte sono stata considerata la persona cattiva, ha scritto. Ma in #ThisIsParis sto raccontando la mia versione della storia.

Dice in una clip, Se ciò accadesse oggi, non sarebbe affatto la stessa storia. Ma mi hanno reso la persona cattiva, come se avessi fatto qualcosa di brutto.