25 Set

Crowdinvesting, grandi potenzialità in vista

Di 
(0 Voti)

La diffusione del crowdfunding in tutti i suoi aspetti — dal donation-based al reward-based e all’equity — sta procedendo di pari passo con la diffusione di internet e della sua sempre maggiore implementazione in fenomeno massivo.

Ci sono ormai decine di piattaforme attraverso le quali si può presentare il proprio progetto,anche se il filone che ad oggi ha un maggior peso economico — soprattutto in prospettiva — è l’equity crowdfunding, che per altro risponde alla necessità di trovare un’alternativa al credito bancario, oggi spesso una chimera.

Il web può fornire un sostegno alla ricerca di nuovi azionisti, con le piattaforme che mettono in contatto imprenditori e potenziali investitori. Secondo il censimento di CrowdfundingBuzz, nei primi otto mesi del 2017 in Italia sono state completate 36 campagne, con una raccolta di 8,1 milioni, raddoppiando i risultati dello scorso anno (4,3 milioni distribuiti su 19 iniziative). E l’accelerazione è avvenuta negli ultimi mesi.

Per regolare questo fenomeno occorre dotarsi di norme adatte: l’Italia è stato il primo Paese al mondo a dotarsi di una normativa sull’equity crowdfunding, introdotta con il Decreto Crescita Bis del 2012 e che prevede una vigilanza della Consob sugli operatori.

Inoltre la School of Management del Politecnico di Milano si è dotata di un osservatorio per seguire l’evoluzione del cosiddetto crowdinvesting - una raccolta di capitale che ha come contropartita una remunerazione in denaro dello stesso.

In questo ambito, accanto all’equity crowdfunding, vengono presi in considerazione il social lending e l’invoice trading.

Il social lending

Vi sono piattaforme che permettono a persone fisiche e imprese di rivolgersi a potenziali investitori per ottenere prestiti, dietro il pagamento di un tasso d’interesse. Il prenditore compila una propria scheda con la richiesta e invia i suoi estremi al gestore della piattaforma, che gli assegna una pagella di affidabilità. A questo punto parte la campagna, con il tasso d’interesse che viene formato dall’incontro tra la domanda e l’offerta. Con il risultato che i soggetti più affidabili in genere spuntano condizioni migliori della media.

L’invoice trading

L’invoice trading consiste nella cessione di una fattura commerciale attraverso un portale internet che seleziona le opportunità e sostituisce il tradizionale sconto della fattura attuato dalle banche per supportare il capitale circolante. Gli investitori anticipano l’importo della fattura, al netto della remunerazione richiesta.

L’osservatorio del Politecnico meneghino vede grandi potenzialità per il crowdinvesting in Italia, a patto che le startup che hanno fin qui ricevuto i capitali onorino le promesse indicate nei rispettivi business plan (discorso che vale per l’equity crowdfunding) e che si consenta agli investitori di non sottostare più all’imposta calcolata sul reddito, bensì a un’aliquota fissa agevolata.

Letto 91 volte Ultima modifica il Giovedì, 28 September 2017 10:48
Devi effettuare il login per inviare commenti

Equinvest S.r.l.

  • Piazza del Popolo 3, Roma
  • Tel: +39 02 92853972
  • Fax: +39 06 92943542
  • ti.tsevniuqe@enoizerid
  • P.IVA 12917981008
  • Capitale sociale
  • € 1.056.982,55 i.v.

Social