Nellie Bly: 5 fatti veloci che devi sapere

A vita - Screenshot del trailerNellie Bly è una delle prime giornalisti investigative nella storia americana ed è nota per essersi volontariamente ricoverata in un ospedale psichiatrico per esporre le condizioni abusive.

Nellie Bly, il cui vero nome è Elizabeth Cochrane Seaman, è considerata una delle prime giornaliste investigative della storia americana. Bly finse una malattia mentale per ottenere l'accesso a un famigerato ospedale psichiatrico di New York, nel tentativo di esporre come venivano trattati i pazienti.



Nel 1889, fece un famoso, ampiamente riportato e intrepido viaggio di 72 giorni intorno al mondo, solo una delle tante imprese di questa donna straordinaria. Il film Lifetime Escape the Madhouse: The Nellie Bly Story è basato sulla vita di Bly e ha come protagonista Christina Ricci.







Fuga dal manicomio: la storia di Nellie Bly | Anteprime 19 gennaio | Tutta la vitaGuarda il trailer di 'Escaping the Madhouse: The Nellie Bly Story'. Iscriviti per altri spettacoli a vita: youtube.com/subscription_center?add_user=lifetime Scopri i contenuti esclusivi a vita: Sito web – mylifetime.com Facebook – facebook.com/lifetime Twitter – twitter.com/lifetimetv /posts Lifetime® è un premier incentrato sulle donne destinazione di intrattenimento dedicata a fornire agli spettatori una selezione diversificata di film originali acclamati dalla critica e pluripremiati, sceneggiati ...2018-10-16T11:29:49.000Z

La sinossi del film recita: In una missione per esporre le condizioni deplorevoli e il maltrattamento dei pazienti presso il famigerato Women's Lunatic Asylum, la giornalista investigativa Nellie Bly (Christina Ricci) finge una malattia mentale per essere istituzionalizzata per riferire dall'interno. Il film offre un resoconto intenso e romanzato degli eventi reali che circondano il soggiorno di Nellie che inizia dopo che Nellie è stata sottoposta a trattamento, lasciandola senza alcun ricordo di come è arrivata al manicomio o della sua vera identità. La riluttanza di Nellie a sottomettersi all'autorità si traduce in indicibili torture per mano della caposala, Matrona Grady (Judith Light). Quando Nellie cattura l'attenzione del Dr. Josiah (Josh Bowman) che cerca di aiutarla, le tattiche barbariche di Grady si intensificano, portando Nellie a chiedersi se in realtà appartiene al manicomio.

Ecco cosa sappiamo della vita di Bly:




1. Bly è considerato uno dei primissimi giornalisti investigativi nella storia americana

Oggi, nel 1889, Nellie Bly ha lasciato New York per fare il giro del mondo in un record di 72 giorni. Bly ha aperto la strada alle donne nel giornalismo e attraverso il suo lavoro ha esposto la corruzione e le cattive condizioni di lavoro. Ci ispira tutti ad essere audaci e a lottare per la giustizia pic.twitter.com/utq0GT4HLW

- Kamala Harris (@SenKamalaHarris) 14 novembre 2018



Ballando con le stelle Votazioni 2016

Dopo aver abbandonato la scuola per aiutare sua madre a gestire una pensione, Bly ha scritto una lettera aperta al Pittsburgh Dispatch, sottolineando la rappresentazione negativa delle donne del giornale, secondo Storia delle donne . L'editore del Pittsburgh Dispatch fu così impressionato dal suo pezzo che stampò la sua lettera e le offrì un lavoro come editorialista, che fu quando assunse lo pseudonimo di Nellie Bly.

Nonostante fosse una editorialista popolare, era spesso costretta a scrivere pezzi che riguardavano solo le donne. Volendo espandersi e scrivere su questioni che interessano sia gli uomini che le donne, ha iniziato a cercare un altro lavoro, che l'ha portata a New York City. Lì, ha cercato una pubblicazione che pubblicasse una storia sull'esperienza degli immigrati negli Stati Uniti e, sebbene l'editore di New York World abbia rifiutato la sua storia, l'ha sfidata a indagare su un famigerato ospedale psichiatrico in città. Bly ha accettato e ha portato la sua sfida un ulteriore passo avanti ammettendosi in ospedale come paziente sotto copertura per esporre davvero come i pazienti venivano trattati dal personale ospedaliero, portandola a diventare una delle prime giornalisti investigative nella storia americana.


2. Si è impegnata al The Mental Hospital per esporre abusi e negligenza nel famoso New York Institute

Nellie Bly (vero nome Elizabeth Jane Cochran, sopra) era una giornalista di 23 anni senza lavoro quando entrò negli uffici del New York World di Joseph Pulitzer nel 1887 e ricevette l'arduo compito di esporre gli orrori dell'isola di Blackwell. Manicomio. Lei pic.twitter.com/NPglOu0soz

— Club degli amanti della storia (@hitorylvrsclub) 15 gennaio 2019

Dopo essersi registrata in un orfanotrofio, ha iniziato a interrogare le donne che le sembravano più pazze. Non ci volle molto perché Bly fosse considerata pazza, e la direttrice della casa in cui alloggiava l'aveva scortata all'Essex Market Police Courtroom, dove un giudice l'aveva dichiarata pazza e l'aveva mandata al Bellevue Hospital. Si imbarcò su un traghetto per Blackwell's Island e un autista di ambulanza le disse che stava andando in un ospedale dal quale non sarebbe mai uscita.

Durante la sua permanenza in ospedale, ha preso nota sia delle proprie esperienze che di quelle dei suoi colleghi pazienti, notando che solo 16 medici erano incaricati di circa 1.600 pazienti. Tranne due, ha registrato, non li ho mai visti prestare attenzione ai pazienti. Secondo Women's History, ha anche messo in dubbio la capacità del giudice di dichiarare una donna pazza 'semplicemente augurandole il buongiorno e rifiutandosi di ascoltare le sue richieste di rilascio? Anche i malati sanno che è inutile dire qualcosa perché la risposta sarà che è la loro immaginazione.'

La sua segnalazione includeva anche l'alto tasso di insensibilità culturale verso le donne immigrate che parlavano poco o niente inglese e una pletora di trattamenti abusivi, tra cui bagni ghiacciati obbligatori e confinamento in stanze anguste, infestate da parassiti e chiuse a chiave.


3. È stata dimessa dall'ospedale psichiatrico solo dopo che il suo datore di lavoro ha inviato un avvocato per rilasciarla e funzionari del governo municipale di New York hanno iniziato a indagare sull'abuso e la negligenza segnalati da Bly

#nelliebly #10days in un manicomio
Un articolo e la segretezza che aspettano di venire alla luce...
Ogni Emege Con infinito rispetto ✅❤️ #10GennaioGiornalisti di lavoroGiornata pic.twitter.com/wEcJlKl7T8

causa della morte stan lee

— Haticeozdemir (@Haticeo13782255) 10 gennaio 2019

Dopo alcuni giorni sull'isola di Blackwell, Bly ha cercato di farla finita come malata di mente e ha tentato di ottenere il suo rilascio, ma non è stata in grado di convincere l'ospedale a lasciarla andare. È stata rilasciata solo dopo che il suo datore di lavoro, New York World, ha inviato un avvocato per organizzare il suo rilascio. Due giorni dopo essere stata liberata, New York World ha pubblicato la prima puntata del suo servizio, intitolata Behind Asylum Bars, e Bly è diventata rapidamente famosa nel giornalismo, secondo PBS .

Dopo la pubblicazione della sua storia, il governo municipale di New York ha avviato un'indagine sugli abusi segnalati da Bly e ha iniziato a stanziare più denaro per la cura dei malati di mente sull'isola di Blackwell. Secondo PBS, circa un mese dopo la pubblicazione della sua storia, il trattamento dei pazienti di Blackwell Island e le condizioni di vita della struttura sono migliorate sostanzialmente. Sono stati forniti pasti più nutrienti, sono stati assunti traduttori per coloro con barriere linguistiche e sono state implementate migliori condizioni igienico-sanitarie. Per finire, gli infermieri e i medici più violenti sono stati licenziati e sostituiti.


4. Quando ha fatto il suo viaggio intorno al mondo, non si è resa conto che stava gareggiando contro un giornalista di una pubblicazione rivale

Nellie Bly come si vede @Newseum con cartella e il mio gioco senza cartella. Il mio bagaglio è più grande di quello. @bijancbayne Fratelli McLoughlin 1889/90. #Giochi da tavolo #Storia pic.twitter.com/MWB9DtZDhh

l'ufficio postale degli Stati Uniti è chiuso oggi?

— Deb Shaw (@debjshaw) 15 gennaio 2019

A parte il suo successo come giornalista, Bly è probabilmente meglio conosciuta per il suo incredibile viaggio di 72 giorni intorno al mondo nel 1889. Ha intrapreso il suo viaggio, principalmente su nave a vapore e treno, inconsapevolmente in competizione con un giornalista di una pubblicazione rivale, secondo Smithsonian Mag .

L'obiettivo di Bly era battere l'odissea di 80 giorni di Phileas Fogg, come scritto nel romanzo del 1873 di Jules Verne, ma il suo coraggio e la sua determinazione l'hanno aiutata a circumnavigare il globo in soli 72 giorni, stabilendo un record mondiale, superando il suo obiettivo di 75 giorni e, a sua insaputa, battendo la sua concorrente, Elizabeth Bisland della rivista Cosmopolitan, riporta Smithsonian Mag.

Il suo editore al New York World inizialmente ha resistito a mandarla, sostenendo che il suo genere avrebbe reso il viaggio impossibile. Nessuno tranne un uomo può farlo, le disse. Molto bene, ha risposto, Avvia l'uomo, e io inizierò lo stesso giorno per qualche altro giornale e lo batterò. Alla fine ha ammesso, secondo Smithsonian Mag.


5. Bly sposò un milionario nel 1895 e brevettò molte invenzioni relative alla produzione di petrolio

Nellie Bly, giornalista pioniera. Ha scritto sulla vita in Messico, ha finto la follia per indagare sui rapporti di brutalità e negligenza al Women's Lunatic Asylum sull'isola di Blackwell e ha viaggiato in tutto il mondo in meno di .. Altre foto: https://t.co/ltJKkufXNH pic.twitter.com/Tv6unMI1c2

— Club degli amanti della storia (@hitorylvrsclub) 16 settembre 2018

Alla fine degli anni '80, Bly sposò il milionario Robert Seamen e ritentò il giornalismo. Suo marito morì nel 1903, lasciandola a capo di un'enorme azienda manifatturiera, che suscitò un interesse per gli affari e la produzione a Bly.

Ha continuato a brevettare diverse invenzioni relative alla produzione di olio, molte delle quali sono ancora utilizzate oggi, secondo Women's History. Alla fine tornò al giornalismo, coprendo il movimento per il suffragio femminile e la prima guerra mondiale. Purtroppo, Bly morì dopo aver combattuto contro la polmonite il 27 gennaio 1922.