Kiki Camarena: la vera storia dell'agente DEA di 'Narcos Mexico'

dareKiki camarena

Kiki Camarena è uno dei protagonisti chiave della nuova serie Netflix Narcos: Messico , che ripercorre la crescita del traffico di droga, spostandolo dalla Colombia a Guadalajara, in Messico. Avvertenza: poiché la storia reale segue così da vicino quella fittizia, questo articolo conterrà spoiler per Narcos: Messico .



chi è stato estromesso da American idol 2018

La serie, ora disponibile per lo streaming su Netflix, è stata molto attesa a causa della popolarità delle stagioni precedenti, incentrate sull'ascesa e la caduta di Pablo Escobar e del cartello di Cali. Narcos: Messico mostra la crescita del cartello di Guadalajara, messo insieme per pura volontà e buon senso da un uomo di nome Felix Gallardo fuori da fazioni in guerra. Il suo nome completo era Miguel Angel Felix Gallardo e, nella vita reale, era un uomo brutale e intelligente chiamato El Padrino AKA Il Padrino. (Puoi vedere le foto delle persone reali dietro il Narcos: Messico personaggi qui. )



Nelle prime puntate di Narcos: Messico , Kiki Camarena (interpretato da Michael Pena) e Felix Gallardo (interpretato da Diego Luna) sono giustapposti come protagonisti gemelli: uno che cerca di consolidare il traffico di droga e l'altro che cerca di fermarlo in un'epoca in cui la Drug Enforcement Administration (DEA) era ancora un'agenzia sottovalutata con sede su uno strip club. Si potrebbe chiamare Gallardo l'antagonista, ovviamente, ma la serie Narcos approfondisce tutte le motivazioni e le storie dei suoi personaggi chiave.

Camarena apre lo spettacolo in una scena che mostra che è stato rapito. Chi era il vero Kiki Camarena? Qual è la vera storia? Si è davvero trasferito a Guadalajara, in Messico, e ha lavorato per la DEA? È stato davvero rapito? Il finale è triste e quello che è successo a Kiki Camarena cambierà per sempre il volto dei cartelli della droga messicani e porterà alla nascita di El Chapo.



Ecco cosa devi sapere:


Kiki Camarena è nata in Messico ed era un marine statunitense, ufficiale di polizia e vigile del fuoco

Kiki camarena

Camarena ha ricevuto molti premi ed è considerato un eroe americano. Kiki ha ricevuto due Sustained Superior Performance Awards, uno Special Achievement Award e, postumo, l'Administrator's Award of Honor, il più alto riconoscimento concesso dalla DEA, afferma la DEA.



Un amico di liceo e membro del Congresso in California ha creato quelli che sono stati chiamati Camarena Clubs, e le persone in tutto il paese indossavano nastri rossi per indicare che stavano rifiutando le droghe, uno sforzo che ha attirato il sostegno della First Lady Nancy Reagan.

lana del rey e sean larkin

Negli anni successivi, alcuni hanno sostenuto che gli agenti messicani che lavoravano per la CIA fossero coinvolti nella morte di Kiki Camarena, secondo Il Paese . La CIA ha negato le accuse.

Negli anni successivi, l'agente della DEA James Kuykendall, che era il supervisore di Camarena a Guadalajara, ha parlato della CIA e dell'omicidio di Kiki Camarena. Kuykendall è citato in il libro Whiteout: La CIA, la droga e la stampa di Alexander Cockburn. Il libro sostiene che gli agenti della DEA che indagano sulla morte di Camarena sapevano che l'omicidio dell'agente della droga era un'operazione congiunta tra il cartello della droga e il DFS, un'agenzia con stretti legami con la CIA.

Kuykendall disse: Alla CIA non fregava niente di Cuba e dei Soiets. Indirettamente, loro (la CIA) devono prendersi parte della colpa. Ha affermato che la CIA ha protetto il DFS per decenni e ha affermato che il DFS è appena sfuggito di mano.